CIIM Logo
Contact us   |   Site Map   |   Home
Confederation of Italian Entrepreneurs Worldwide - North America

Member Login 


Become a Member



Monday January 28, 2008

Occupazione, buone notizie per il Canada

Nonostante la perdita di posti di lavoro nel settore manifatturiero

OTTAWA - Nonostante la consistente perdita di posti di lavoro nel settore manifatturiero, il Canada ha potuto contare su un consistente aumento di posti di lavoro grazie alla dinamicità di altri settori.
Anche se la media nazionale comunque fa pensare a notizie completamente positive, una volta che si scende nei dettagli a livello provinciale, si vede subito che questo aumento del benessere è concentrato quasi completamente nelle Province dell’Ovist, mentre in Ontario si notano problemi sempre più evidenti nel settore occupazionale.
Secondo un rapporto reso noto ieri dalla Canadian Imperial Bank of Commerce, i posti di lavoro persi in Canada nel settore manifatturiero, sono stati rimpiazzati con la creazione di migliaia di posti di lavoro nei settori amministrativo e dell’estrazione dei prodotti energetici.
Il rapporto della Cibc World Markets Inc., indice della qualità dell’occupazione, è aumentato nello scorso anno del 2,8 per cento, il più alto aumento mai avuto negli ultimi dieci anni.
Questo significa che anche il Canada, come gli Stati Uniti, ha perso decine di migliaia di posti di lavoro nel settore manifatturiero, ma in Canada, contrariamente a quanto è accaduto negli Usa, tali posti di lavoro sono stati rimpiazzati con la creazioni di altri e più remunerativi.
Il rapporto precisa che l’economia canadese non solo ha creato lo scorso anno 400.000 nuovi posti di lavoro, ma si è trattato anche di posti di lavoro a tempo pieno e molto bene pagati.
Sono infatti diminuiti dell’1,2 per cento gli impieghi con retribuzione più bassa in settori come i negozi per la vendita al dettaglio, le industrie dell’abbigliamento oppure come dipendenti di distributori di benzina. Ma tale perdita è stata bilanciata dall’aumento dei posti di lavoro più remunerati che sono saliti del 3,8 per cento.
Non a caso comunque le province che hanno registrato tali aumenti sono state quella dell’Alberta e del Saskatchewan con gli stipendi nel settore industriale che sono stati superiori tra un indice del 50 e del 125 per cento agli stessi stipendi dello stesso settore in Ontario. «Se volete lavori altamente retribuiti - ha detto ieri scherzando, ma fino ad un certo punto, Benjamin Tal, un economista della Cibc - trasferitevi in Alberta o Saskatchewan, oppure fate domanda per un posto governativo».

I lavori pubblici, infatti, con i grossi surplus di bilancio registrati negli ultimi anni, hanno creato, ha detto l’economista, numerosi posti di lavoro con ottima retribuzione.
Nel rapporto comunque, si rileva che questa tendenza non è destinata necessariamente a continuare anche quest’anno e negli anni a venire. Se i governi smetteranno di spendere come hanno fatto fino ad ora, e gli economisti ritengono che lo faranno, le cose potrebbero cambiare.
Le cose comunque in Canada si prevedono più propizie e positive di quelle negli Stati Uniti.