CIIM Logo
Contact us   |   Site Map   |   Home
Confederation of Italian Entrepreneurs Worldwide - North America

Member Login 


Become a Member



Friday April 18, 2008

Nel 2007 svolti 150 incontri tra imprese italiane e canadesi nell’alta tecnologia

Il Canada e l’Italia condividono gli stessi obiettivi nell’affrontare la complessità dell’attuale scenario internazionale e sono uniti da un legame storicamente molto solido. In merito agli scambi commerciali, il 2007 è stato un anno particolarmente attivo, infatti si sono svolti oltre 150 incontri bilaterali tra le imprese italiane e canadesi nel settore dell’alta tecnologia e firmati cinque memorandum d’intesa fra le due parti. Dal settembre 2006, Alex Himelfarb è il nuovo Ambasciatore del Canada in Italia, egli arriva da Ottawa dove ha ricoperto, dal 2002, la carica di Segretario Generale del Consiglio dei Ministri. Il ruolo di Segretario Generale al Consiglio è la più importante carica del Governo Canadese che non sia assegnata attraverso un’elezione politica. All’Ambasciatore Himelfarb Tribuna Economica ha rivolto alcune domande.

È stato recentemente firmato il protocollo di cooperazione sullo sviluppo sostenibile tra Trentino e British Columbia, quali saranno i frutti dell’intesa?

Come parte della nostra strategia di focalizzare l’attenzione sui distretti regionali italiani in rapida crescita e di promuovere la collaborazione tecnologica con il Canada, abbiamo sviluppato un rapporto stretto e produttivo con la Provincia di Trento in norditalia. Trento si è guadagnata un’alta reputazione a livello europeo per le sue politiche illuminate a sostegno delle PMI, R&S ed in particolare per le sue tecnologie verdi. Grazie anche all’opera svolta in occasione delle Olimpiadi Invernali Torino 2006 dalla BC House, la struttura allestita dalla Provincia della British Columbia (che ospiterà la prossima edizione dei Giochi Vancouver 2010), la Provincia diTrento ha identificato la Provincia canadese della Colombia Britannica quale leader della sostenibilità e delle innovazioni nel settore delle energie alternative. Abbiamo coltivato questa amicizia ed è nato un memorandum d’intesa firmato dalle due province in occasione del Congresso Mondiale sull’Energia tenutosi a Roma lo scorso mese di novembre, cui ha fatto seguito nello stesso mese una missione commerciale in Brisith Columbia di imprenditori trentini. Siamo lieti di informarvi che la prossima tappa di questa alleanza sarà un’altra missione commerciale della Provincia di Trento in occasione di Globe, che avrà luogo a Vancouver ai primi di marzo di questo anno. La missione commerciale di Trento ha prodotto risultati concreti. Trento ha individuato quattro potenziali progetti congiunti di ricerca ambientali, nel settore dell’edilizia "verde", delle infrastrutture comuni di telecomunicazione (ICT) e automazione domestica (demotica), della ricerca, sviluppo e formazione nel settore l’innovazione dell’impiego del legno.

Il prossimo World Energy Congress si svolgerà a Montreal, come intende organizzarsi il Canada?

Il Canada è protagonista di primo piano sulla scena mondiale dell’energia. Il Canada ospiterà il 21mo Congresso Mondiale dell’Energia dal 12 al 16 settembre 2010. Il Consiglio Mondiale dell’Energia (WEC) organizza uncongresso mondiale dell’energia ogni tre anni; l’ultimo si è tenuto a Roma nel 2007. Vi partecipano i massimi esponenti mondiali del settore in rappresentanza di aziende, governi e organismi internazionali nonché esponenti dell’ambiente accademico e delle associazioni, per affrontare tematiche legate alla produzione e all’utilizzo di tutte le forme di energia: petrolio, carbone, gas naturale, energia nucleare, energia idroelettrica, ed energie rinnovabili.

Ambasciatore, la collaborazione fra imprese canadesi e italiane nel 2007 è stata attiva?

Il 2007 è stato un anno molto attivo e produttivo per quanto riguarda la collaborazione fra imprese canadesi ed italiane. Ad esempio in Italia sono stati organizzati molti eventi importanti come la prima riunione del "Tavolo Canada" al quale hanno partecipato gli imprenditori di diversi settori produttivi italiani, istituzioni ed enti di ricerca. Durante questo incontro, il ministro degli Esteri Massimo D’Alema ha ricordato che i rapporti bilaterali sono "ottimi". Sono stati oltre 150 gli incontri bilaterali tra le imprese italiane e canadesi nel settore dell’alta tecnologia. Nel suo intervento il diplomatico canadese Stewart Beck ha messo in rilievo l’importanza dei rapporti tra i distretti delle regioni italiani e i grandi "cluster" canadesi nelle aree tecnologiche avanzate, quali per esempio la salute, l’ambiente, la tecnologia dell’informazione e le biotecnologie. Ci sono anche stati molte missioni in Canada alle quali hanno partecipato tantissimi operatori e potenziali investitori italiani come, ad esempio, la missione aerospaziale nel Ontario, Quebec e Winnepeg. Dal 12 al 14 marzo 2008 avrà luogo anche la Fiera e Conferenza Globe 2008 a Vancouver. Globe rappresenta la più importante manifestazione nel settore Ambiente nel Nord America ed è un importante punto di riferimento per esperti ed operatori per la qualificata presenza di espositori e per l’intensa attività seminariale sulle tematiche legate alla ricerca. Inoltre, molte industrie canadesi hanno avuto modo di sperimentare il mercato italiano e con successo. Per esempio RIM (Research in Motion), azienda produttrice dei Blackberry, ha trovato in Italia un mercato molto fruttuoso, in fatti l’Italia è diventata il terzo paese al mondo consumatore di Blackberry. La rinominata azienda canadese Bombardier è anche molto attiva in questo mercato, sia per quanto concerne i mezzi ferroviari che per i velivoli antincendio. In particolare per quanto riguarda quest’ultimo, la divisione anfibe della Bombardier ha appena dato in consegna il primo dei quattro velivoli antincendio, il CL-415, ordinati dal Dipartimento della Protezione Civile Italiano. Con quest’ordine l’Italia viene a possedere la più grande flotta del 415 al mondo. In conclusione, sono molti i progetti che ogni anno vengono realizzati tra il Canada e l’Italia, ma il 2007, grazie anche ai cinque memorandum d’intesa firmati, è stato il più produttivo, vissuto all’insegna di una grande volontà da parte di entrambi i Paesi di collaborare e sempre più rafforzare i rapporti esistenti.

Ogni anno il Canada assegna gli Invest Award alle imprese italiane e canadesi. Quali sono le aziende premiate nel 2007 e quali le motivazioni?

Parmalat Canada ha vinto l’edizione 2007 del Italy-Canada Invest Award. Con un investimento di circa 880 milioni di dollari canadesi (?607,7 milioni), una presenza in Canada dal 1997, un organico attuale di 2932 persone e un giro d’affari di 981.8 millioni di euro (contro 845.1 milioni di euro registrati in Italia), Parmalat Canada ha ricevuto l’Italy-Canada Invest Award 2007, il prestigioso riconoscimento destinato ad un’azienda italiana e ad un’azienda canadese che si siano distinte per investimenti e attività svolte rispettivamente in Canada e in Italia. Per l’azienda Parmalat, il Canada diventa il suo più importante mercato guadagnando il primo posto per miglior performance tra le filiali del gruppo. L’ Italy-Canada Invest Award, istituito nel 2003 da Team Italia in collaborazione con l’Italian Trade Commission, è stato assegnato dall’ambasciatore d’Italia in Canada Gabriele Sardo, venerdì 14 dicembre a Toronto durante una cerimonia in cui sono intervenuti anche il Presidente e CEO di Parmalat Canada Nash Lakha e il Presidente e CEO di Picchio International, Francesco Bellini, l’azienda canadese premiata per i suoi investimenti in Italia. Picchio International Inc. – guidata da Francesco Bellini, ascolano di origine – ha investito 130 milioni di dollari canadesi (?90,7 milioni) in Italia, dove opera da 20 anni, nel settore medicale (strumenti e reagenti diagnostici, prodotti in via di sviluppo per il trattamento dell’Alzheimer, AA Amyloidosis, diabete, malattie infettive e cancro) e nell’agroalimentare, con un organico di 125 persone. Il suo giro di affari annuale é di circa 436 milioni di dollari canadesi (oltre ?301 milioni). Il Gruppo Picchio comprende Picchio International, Picchio Pharma, Neurochem, Adaltis, Domodimonti.

La mobilità dei giovani fra Italia e Canada è sempre fonte di scambi e il programma Vacanza- Lavoro 2008 è un’opportunità da non perdere. In che cosa consiste il Memorandum?

Nel mese di ottobre del 2006, l’On. Vittorio Craxi, sottosegretario agli Affari Esteri (con delega ai rapporti con le Nazioni Unite ed il nord America) e l’On. Peter Harder, vice ministro agli Affari Esteri del Canada, hanno firmato un Memorandum d’Intesa per la Mobilità dei Giovani fra l’Italia ed il Canada. Grazie a questa intesa è nato un Programma Vacanze Lavoro che consente a giovani canadesi ed italiani, fra i 18 ed i 35 anni, di viaggiare e lavorare su base occasionale in entrambi i paesi per un massimo di sei mesi. I partecipanti beneficiano non solo dal fatto che possono lavorare oltre mare ma potranno acquisire una conoscenza più approfondita del Paese che li ospita. Un’esperienza internazionale aiuta a sviluppare nuove capacità professionali come quella di esprimersi correntemente in più lingue. Tali capacità sono sempre più richieste sul mercato del lavoro. Ogni anno, ci sono più di 54000 giovani che partecipano a programmi per la gioventù creati dal Ministero degli Affari Esteri e del Commercio Internazionale in Canada.