CIIM Logo
Contact us   |   Site Map   |   Home
Confederation of Italian Entrepreneurs Worldwide - North America

Member Login 


Become a Member



Wednesday December 3, 2008

For Kicks, quando il calcio diventa speranza

Il progetto che aiuta i bambini più svantaggiati ha ricevuto un assegno di 100mila dollari dalla Universal Youth Foundation

TORONTO - Aiutare i bambini più sfortunati ad avere una vita più serena. Si riassume in questa frase l’obiettivo del progetto “For Kicks”, promosso dall’omonima associazione e organizzato dal Toronto Azzurri Soccer club. Da ormai tre anni attiva sul territorio di Toronto, l’inziativa si è allargata coinvolgendo un numero sempre maggiore di ragazzini che vengono letteralmente salvati dalle strade e messi a giocare sui campi di calcio. Dai 25 bambini di tre anni fa si è passati infatti a 185 e nei prossimi mesi si pensa di continuare a espandersi. L’obiettivo sarà possibile grazie anche al contributo della Universal Youth Foundation che quest’anno ha destinato la bellezza di 100mila dollari che serviranno a pagare le spese. «Si tratta di un progetto davvero molto valido - ha detto Mario Cortellucci presidente della Universal Youth Foundation - In questo modo riusciamo a dare un aiuto concreto a tutti i bambini più svantaggiati e diamo loro un’opportunità per riuscire a emergere nella vita grazie ai valori dello sport e dell’amicizia».
Il progetto “For Kicks”, portato avanti da Steve Hicks, è diventato a carattere mondiale coinvolgendo migliaia di bambini con problemi famigliari. Lo scopo è aiutare loro portandoli via dalle difficoltà che spesso devono affrontare e metterli a contatto con realtà più coinvolgenti e stimolanti, come ad esempio il calcio. Da qui nasce la collaborazione con l’organizzazione no profit “The Toronto Azzurri Soccer club”, presieduta da Robert Iarusci, che organizza tornei e corsi di calcio per aiutare i più giovani dai quattro ai 14 anni che vivono nell’area di North York. Proprio quest’anno il lavoro degli organizzatori si è concentrato maggiormente nell’area tra Finch e Jane, da sempre definita a rischio. Da prima, è stata organizzata una lega per i bambini con tanto di partite e allenamenti settimanali che si è svolta tra maggio e agosto. Poi si è svolto il Summer Camp a Downsview Park che ha visto la partecipazione di oltre 2mila ragazzini. «Siamo molto soddisfatti di quanto abbiamo fatto quest’anno - ha affermato Tony Cipriani uno dei cofondatori del Toronto Azzurri Soccer club - Abbiamo finalmente potuto contare su una fondazione importante come quella presieduta da Mario Cortellucci in cui sono presenti tantissime personalità di spicco della comunità di Toronto e grazie al loro sostegno siamo riusciti a migliorare e aumentare le nostre iniziative sul territorio. L’obiettivo è di avere anche nei prossimi anni lo stesso aiuto per poter continuare il lavoro».

Un invito quello di Cipriani al quale il presidente Cortellucci non si sottrae. «Tutti i progetti sostenuti dalla Universal Youth Foundation devono aiutare concretamente i bambini. Lo abbiamo fatto quando abbiamo deciso di sostenere i più giovani figli degli aborigeni nel Nord dell’Ontario e lo abbiamo fatto ora con “For Kicks”. Naturalmente abbiamo bisogno di vedere dei risultati. Poi non avremo nessun problema a sostenere nuovamente il progetto».