CIIM Logo
Contact us   |   Site Map   |   Home
Confederation of Italian Entrepreneurs Worldwide - North America

Member Login 


Become a Member



Thursday April 9, 2009

INSIEME PER IL MADE IN ITALY

INSIEME PER IL RILANCIO DEL MADE IN ITALY



ECCO I TEMI DEL MEETING TENUTO A NEW YORK CHE  HA VISTO LA PARTECIPAZIONE DELLA CONF. IMPRENDITORI ITALIANI NEL MONDO STATI UNITI CON IL GRUPPO GIOVANI CONFINDUSTRIA FRIULI VENEZIA GIULIA

NEW YORK -


Impegno, entusiasmo e senso di responsabilità. Saranno queste le parole d’ordine che costituiranno una solida base da cui partire, per tuffarsi nel difficile quanto imprevedibile futuro che si prospetta per l’economia italiana e mondiale.

La Ciim Usa, la Confederazione Imprenditori Italiani nel mondo Stati Uniti, si appresta a reagire di fronte a una situazione globale che spaventa, ma non abbatte. Si è parlato di questo e di molto altro durante l’incontro-conferenza tra la Ciim Stati Uniti e il Gruppo Giovani di Confindustria Sezione Friuli Venezia Giulia, svoltosi il 13 marzo scorso a New York, sulla Fifth Avenue.

Protagonisti dell’evento, numerose personalità di spicco del panorama economico-imprenditoriale italiano ed internazionale, tra cui Adriano Luci, presidente di Confindustria del Friuli Venezia Giulia, ed Enrico Accettola, presidente del Gruppo giovani di
Confindustria della medesima regione.

“Il made in Italy costituirà il cavallo trainante per uscire da una situazione difficile, ma non impossibile da risolvere, ci vogliono passione, progetti, impegno comune”, ha detto il presidente Ciim Usa, Tomaso Veneroso, durante il discorso d’apertura, sottolineando la necessità di salvaguardare e promuovere i prodotti italiani, tutt’oggi fiore all’occhiello della produzione internazionale. “Sarà doveroso agire promuovendo il dialogo ed un confronto costante tra le parti”, ha poi proseguito Veneroso, “affinchè alle parole possano inevitabilmente seguire i fatti”.

Concretezza quindi, la chiave di volta di un progetto di sviluppo che si snoderà nei prossimi mesi, percorrendo passo dopo passo una via caratterizzata da prospettive valide e sicuramente redditizie. Presente alla conferenza anche il dottor Battistini, una delle tante grandi menti strappate dall’estero al nostro paese, che coopera con l' Università dell’Arizona al  progetto “zoonebee”. Battistini sta studiando un sistema di ottimizzazione delle informazioni disponibili sul web che crescono in maniera esponenziale anno dopo anno e necessitano inevitabilmente di gestioni sofisticate.

E’ in fase di studio infatti, un metodo che riesca in maniera più efficiente a classificare le informazioni su internet, ormai in costante espansione. L’obiettivo primario sarà quindi quello di catalogare il maggior numero di dati possibili nel minor spazio. Tra i relatori inoltre, il vice presidente Ciim Usa, Marco Casella, il quale ha indicato il real estate, come un’ottima possibilità per investimenti nel mercato statunitense. Un intervento, quello di Casella, rivelatosi un vero e proprio over-view, una panoramica sulla situazione globale dell’economia, senza tralasciare quelli che potrebbero essere gli sviluppi futuri, sulla scorta delle attuali previsioni. Veneroso, ha poi anche parlato in veste di membro del comitato di revisione contabile( tax revision comittee) della, NSBA,
l’equivalente della Confindustria italiana: “ Mi sto adoperando nel passato come adesso, per creare un ponte di comunicazione tra le imprese italiane ed
americane, impegnandomi nella convinzione che l’impresa debba essere mirata a fare business, non solo politica teorica quindi, ma atti concreti.

Alla base dell’operato della Ciim, vi è l’intento di favorire opportunità di inserimento per le aziende italiane negli Stati Uniti, promuovendo concrete possibilità di agreement commerciale, e di sviluppo economico”. Un saluto particolare è stato infine rivolto dal presidente Veneroso all’on. Mario Baldassarri, nominato, qualche giorno fa, nuovo Presidente della Ciim Roma (sede centrale di tutte le CIIM)”.




UFFICIO STAMPA CIIM USA